PRESTAZIONI PRIVATE

 

 

   IL REGOLAMENTO 
E IL TARIFFARIO

 


 

Il Fondo rimborsa le prestazioni effettuate privatamente con una tariffa massima per ogni singola prestazione secondo quanto indicato sul regolamento e nel tariffario.

Al fianco di ogni prestazione sanitaria è indicata una TARIFFA.

Ciò significa che il Fondo per quella prestazione rimborsa al massimo l'importo indicato.

 



Ti invitiamo a leggere quelle che nel Tariffario sono chiamate "premesse specifiche di branca" per le diverse prestazioni che sostieni, perché possono fornire utili indicazioni.

 

Riportiamo una sintesi delle prestazioni private rimborsate per macro aree per darti un’idea sintetica di quali sono le tipologie di prestazioni sanitarie rimborsate e di ciò che devi inviare. Fai in ogni caso sempre riferimento al Tariffario.

 

Le voci non presenti nel tariffario e nelle appendici non sono ammesse a rimborso.
Fare riferimento anche all’art. 18 del regolamento, che indica come esclusioni:

- la medicina alternativa e l’omeopatia;

- la medicina generica ossia le prestazioni eseguite da un medico chirurgo senza specializzazione;

- la medicina del lavoro, la medicina legale e la medicina dello sport;

- le cure e gli interventi di carattere estetico, salvo se ricostruttivi e certificati da una Struttura sanitaria pubblica;

- gli infortuni avvenuti in concomitanza con la partecipazione dell’iscritto a competizioni sportive non di carattere amatoriale;

- le visite e terapie le terapie psicologiche, le terapie psichiatriche;

- i trattamenti finalizzati al benessere psico-fisico;

- in materia di allergologia, le terapie, i medicinali, i vaccini e i relativi esami;

- il check-up;

- i ricoveri in Day Hospital senza intervento chirurgico (tranne quelli per terapie oncologiche);

- la dialisi, anche se effettuata in regime di ricovero;

- le terapie e gli interventi attinenti le patologie relative a infertilità e sterilità;

- le iniezioni sclerosanti;

- i farmaci, salvo quelli somministrati nell’ambito di ricoveri e quelli chemioterapici;

- le visite per le certificazioni mediche a pagamento;

- i casi di chirurgia refrattiva eseguiti con qualsiasi metodica, tecnica, apparecchiatura;

- le montature;

- le donazioni o oblazioni;

- l’iva (imposta sul valore aggiunto) presente nelle fatture;

- le spese sostenute per il rilascio della cartella clinica;

- la marca da bollo presente nelle fatture;

- i diritti amministrativi.

- La documentazione di spesa deve essere  completa di nominativo dell' iscritto, importo, data, codice fiscale/partita iva dell'ente emittente;

- Deve essere sempre riportata la descrizione della prestazione effettuata: se non è riportata puoi allegare o una dichiarazione della struttura/medico su carta intestata in cui specifica la prestazione, oppure il referto oppure la prenotazione, da cui possiamo evincere quale prestazione hai effettuato.

-verifica per ogni tipo di prestazione cosa devi allegare e se ci sono particolarità nella presentazione della fattura